Possono essere gli smart siti luoghi d’identità dell’uomo? Ormai i variegati approcci di sostenibilità, a volte contradditori, risultano insoddisfacenti nel governare la realtà costruita la quale evidenzia le profonde ferite lasciate dai comportamenti non virtuosi delle passate generazioni. 

 

Nano antenne, nuova frontiera del fotovoltaico
L’MIT ha allo studio una tecnologia capace di migliorare di 100 volte l’efficienza dei comuni
pannelli.
http://www.nanowerk.com


(...) L’Associazione, fondata sui principi di democrazia ed uguaglianza, si pone come scopo statuario primario la diffusione della cultura della sostenibilità (...)

Autori

Lucien KROLL

Lucien KROLL

di Marco Cuomo

Lucien Kroll è una figura "a parte" rispetto allo "star-system" dell'architettura  dello scorso secolo. Dopo la fondazione del suo studio nel 1957 a Bruxelles, concentra la sua ricerca su temi difficili - in particolare sull'edilizia popolare - e propone modi, metodi e soluzioni frutto di una ricerca complessa ed articolata al fine di contribuire concretamente  alla'applicazione dei concetti della sostenibilità nella quotidianità del vivere la realtà costruita delle notre città: per lui "Tutto è paesaggio".
"...Perché oggi l’architettura deve appartenere al contesto..., altresì dobbiamo armonizzare i differenti e autonomi frammenti di non-città in un tessuto urbano aggregante..." e non repellente, e ancora "...bisogna lottare contro la mercificazione delle nostre città..." e ulteriormente ".... le tre ecologie: sociale, culturale, materiale..." secondo Lucien Kroll sono gli strumenti traduttori per determinare le scelte socio-politiche volte ad arginare le lacune e le deformazioni ambientali ereditate dalla cultura modernista, e dunque è indispensabile avere il coraggio di scardinare questo status figlio della deregulation, immorale assemblaggio di pezzi metropolitani i cui flussi erratici e non-luoghi incancreniscono e sgretolano l’identità collettiva del paesaggio urbano.
imm006.gif
"(...) Immaginare cosa potrebbe nascere da un sistema complesso di relazioni, questa per me è un'utopia straordinaria (...)" .
"(...)  L'uomo, abitando, può creare un pezzo di paradiso dove c'era il deserto (...)" .
"(...) Essendo l'ecologia "scienza delle relazioni", il progetto ecologico comincia ad adattarsi in maniera evidente al suo contesto: geografico, storico, spirituale, sociale, ect. (...) (Lucien Kroll).